Misure di semplificazione per i modelli Intrastat

Con il provvedimento n. 194409/2017 l’Agenzia delle Entrate unitamente all’Agenzia delle Dogane hanno previsto a partire dal Gennaio 2018, delle misure di semplificazione per i contribuenti in relazione alla trasmissione degli elenchi Intrastat.

Nello specifico è stato prevista:

  1. l’abolizione dei modelli INTRA trimestrali relativi agli acquisti di beni e servizi poiché tali informazioni saranno già reperite dai dati di fatturazione elettronica e dallo “spesometro”;
  2. valenza esclusivamente statistica dei modelli INTRA mensili relativi agli acquisti di beni e sevizi;
  3. innalzamento della soglia che obbliga alla presentazione dei modelli Intrastat mensili, ai soli fini statistici, relativi agli acquisti: da € 50.000 a € 200.000 per gli acquisti di beni, da € 50.000 a € 100.000 per gli acquisti di servizi. Verifica delle soglia indipendente per ciascuna categoria di operazioni;
  4. innalzamento della soglia per le segnalazioni di cessioni di beni (modello Intra 1bis) ai fini statistici: da € 50.000 a € 100.000.

Nella seguente tabella verifichiamo i soggetti che continueranno a essere obbligati all’invio del modello INTRASTAT:

TIPO DI MODELLO OBBLIGO
ACQUISTO DI BENI (INTRA 2 BIS) Per i contribuenti per i quali l’ammontare totale trimestrale di detti acquisti sia, per almeno uno dei quattro trimestri precedenti, uguale o superiore a 200.000 euro; IN TAL CASO VI E’ L’OBBLIGO DI PRESENTARE IL MODELLO INTRASTAT MENSILMENTE.

Per gli altri contribuenti l’obbligo di comunicazione viene assolto con la comunicazione trimestrale dei dati fattura (articolo 21 Dl 78/2010 ovvero Dlgs 127/2015).

CESSIONI INTRACOMUNITARIE DI BENI (INTRA 1 BIS) Per i contribuenti

per i quali in almeno uno dei quattro trimestri precedenti l’ammontare delle cessioni intracomunitarie di beni risulti uguale o superiore a 100.000 euro.

Diversamente la presentazione del modello diventa facoltativa.

SERVIZI INTRACOMUNITARI RICEVUTI (MODELLO INTRA 2 QUATER) Per i contribuenti per i quali l’ammontare totale trimestrale degli acquisti di servizi sia, per almeno uno dei quattro trimestri precedenti, uguale o superiore a 100.000 euro.

Per gli altri contribuenti l’obbligo di comunicazione viene assolto con la comunicazione trimestrale dei dati fattura (articolo 21 Dl 78/2010 ovvero Dlgs 127/2015).

SERVIZI INTRACOMUNITARI RESI (MODELLO INTRA 1 QUATER) Per i servizi intracomunitari resi l’obbligo permane. Per tali operazioni, in particolare, la presentazione con periodicità mensile o trimestrale resta ancorata alla soglia dei 50.000 euro.

Dr. Francesco Micucci

Dottore Commercialista e Revisore Legale

 

 

Invia commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *